Seleziona una pagina


Come certamente sapete, anche quest’anno l’anniversario del nostro Centro Sociale intitolato a Giovanni Falcone sarà ricordato come “La Festa dell’Antimafia”, per onorare ancora di più il nome del magistrato ucciso dalla mafia 24 anni fa, il 23 maggio 1992, e per dimostrare la nostra vicinanza e solidarietà con quanti – in vari modi – si battono per contrastare ogni tipo di delinquenza mafiosa.
Anche quest’anno sarà una festa nella quale i momenti di impegno e riflessione si accompagneranno allo svago, al divertimento, al piacere di ritrovarsi con persone che hanno gli stessi sentimenti. Vi saranno incontri e dibattiti, serate danzanti, il parco dei giochi per i bambini, il “Mercato di Forte dei Marmi” ed anche il solito buon ristorante.
Riale, 23 maggio 2016


Giovanni Falcone venne assassinato 24 anni fa, il 23 maggio 1992, mentre stava tornando da Roma, come era solito fare nei fine settimana, lungo il tratto di autostrada che collega l’aeroporto di Palermo con la città, nei pressi dello svincolo di Capaci.
Morirono, assieme a lui, la moglie Francesca Morvillo e tre uomini della scorta: Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani.
A provocare la morte del giudice Falcone, di sua moglie e degli uomini della scorta furono 1.000 kg di tritolo, sistemati all’interno di fustini in un cunicolo di drenaggio sotto l’autostrada. Ad attivare il telecomando, che provocò l’esplosione fu Giovanni Brusca, un affiliato di Cosa Nostra, la mafia siciliana, il cui capo riconosciuto è stato il corleonese Salvatore Riina, detto Totò, dal 1982 fino al giorno del suo arresto, avvenuto il 15 gennaio 1993.
Riale, 23 maggio 2016


IL SITO È IN FASE DI AGGIORNAMENTO
Ci scusiamo con i frequentatori per i disagi che potremmo arrecare.
Tra qualche giorno saranno pubblicati sempre più numerosi e interessanti rubriche ed articoli.